Cure e rimedi naturali

martedì 14 gennaio 2014

Pasta di Hoffmann fai da te

La pasta di Hoffmann è un farmaco galenico costituito da ossido di zinco al 50% in olio di oliva.

In Farmacopea Ufficiale Italiana, XI ed., è definita come "zinco ossido sospensione cutanea" o "olio e zinco ossido linimento".

È usata principalmente per le dermatiti da pannolino a causa dell'elevata concentrazione dell'ossido di zinco, bilanciato dalla buona spalmabilità. In generale è utile negli arrossamenti della pelle dovuti alla permanenza di umidità, nonché nella prevenzione e trattamento (precoce) delle piaghe da decubito. È anche disponibile come preparato industriale, ma in quel caso la formula è lievemente modificata per aggiungere conservanti.

da alfemminile.com

Occorrente:

ossido di zinco in polvere e olio extra vergine di oliva o olys carapelli.
Mettere nel mortaio la polvere, aggiungere poco olio e mescolare con il pestello. Se la si vuole più fluida, aggiungere olio.
Non ho misurato niente perché è talmente facile che a occhio si capisce benissimo anche la prima volta...
Però vi metto qualche consiglio strategico x evitare di passare 45 minuti a pulire le vostre mani e gli utensili usati:
Preparare la crema direttamente nel vasetto finale (20 minuti di pulizia del mortaio evitati)
Usare i guanti usa e getta (15 minuti di pulizia delle mani impataccate nel tentativo di pulire il mortaio evitati).
Non usare il frullatore!!!
Viene perfetta anche senza e non oso immaginare quanto tempo ci voglia per pulire il frullatore!!!
E l'impiastro malefico non viene via in lavapiatti (provato l'altro giorno con il tentativo sperimentale, per fortuna ne avevo fatta pochissima con un cucchiaino e una tazzina da caffè...).

da Casa Organizzata

Occorrente:

zinco ossido, 100 gr.
olio extravergine di oliva, 160 ml

Versa l’ossido di zinco in una tazza capiente ed arrotondata, aggiungi l’olio lavorando accuratamente, con una spatola, fino al formarsi di una crema morbida e senza grumi.

Terminata la lavorazione puoi eventualmente regolare la densità, se ti sembra troppo dura aggiungi olio a cucchiaini lavorando dopo ogni aggiunta o, viceversa, se è troppo fluida aggiungi ossido di zinco sempre lavorando.

Quando avrai trovato la consistenza giusta invasa in un barattolo con coperchio, non è necessario aggiungere conservanti e si conserva a temperatura ambiente.

Alla ricetta di base possono essere aggiunti altri ingredienti per aumentare una delle proprietà specifiche oppure può essere cambiato il mezzo di sospensione per farla diventare una Pasta all’acqua

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.