Cure e rimedi naturali

martedì 14 maggio 2013

La camomilla

imageL’arrivo della primavera porta con se, oltre al sole e alle belle giornate, il manifestarsi di fastidiosi sintomi allergici, dovuti al rifiorire della natura e al proliferare di pollini… Per combattere i sintomi più comuni delle allergie, come rossore e gonfiore, agli occhi, prurito al naso e alla gola, un aiuto valido arriva ancora una volta dalla natura, attraverso la camomilla, un vero toccasana! La camomilla comune è originaria del sud-est asiatico, ma si è diffusa in tutto il bacino del Mediterraneo, in Europa e nel Sud America. E’ una pianta erbacea annuale, con fusto alto fino a 50 cm nelle piante spontanee e fino a 80 cm in quelle coltivate; i fiori sono riuniti in capolini. Cresce dal mare fino alla regione submontana (fino a circa 800 m), è comune nei prati, nei campi coltivati, lungo le strade e vicino alle case. La fioritura avviene da maggio ad agosto. Il prodotto più importante della camomilla è l'essenza (olio di camomilla), i cui componenti fondamentali sono l'azulene (antinfiammatorio) e il bisabololo (calmante). I fiori secchi di camomilla sono impiegati nella preparazione di infusi (azione antispasmodica, antisettica, ecc.); l’olio essenziale, grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie, è utilizzato dalle industrie farmaceutiche e cosmetiche per la preparazione di colliri e prodotti per la protezione della pelle. Proprietà e benefici: La camomilla esercita blandi effetti, comunque interessanti: 1. calmante e antispasmodico: è molto utile per sedare gli spasmi dello stomaco e dell'intestino dovuti a nervosismo e ansia; è utile anche nella cura di ogni tipo di coliche, specialmente quelle renali e biliari. 3. digestiva: la pianta è indicata, come tisana, in caso di indigestione o di digestione pesante; calma la nausea e il vomito e stimola leggermente l'appetito; le camomille più amare esercitano un'azione eupeptica più intensa. 5. febbrifugo e sudorifero: si consiglia a chi ha la febbre, soprattutto ai bambini, perché fa abbassare la temperatura e stimola la traspirazione. 6. analgesico: calma i dolori di testa e alcune nevralgie. 7. antiallergico: moderale reazioni allergiche, come la rinite e la congiuntivite allergica, e la sua efficacia è stata dimostrata scientificamente; si raccomanda per calmare le crisi allergiche acute e come cura di base per evitarle. I risultati migliori si ottengono combinando l'uso interno (tisane) con quello esterno (colliri, irrigazioni nasali). Preparazione di uno spray. 8. cicatrizzante, emolliente e antisettico: per uso esterno dà buoni risultati per lavare ogni tipo di ferite, ulcere e infezioni della pelle; l'infuso di camomilla costituisce un ottimo collirio per fare lavaggi oculari in caso di congiuntivite o di irritazione oculare e si utilizza anche come antinfiammatorio, in impacchi, per eczemi, eruzioni e altre malattie della pelle. • contro gli insetti: fiori di camomilla essiccati, raccolti in bustine di garza poste negli armadi, allontanano tarme e altri insetti • cosmetica per i capelli: i capelli castani o rossi, lavati con infuso di camomilla, diventano più e brillanti. Preparazioni: Olio semplice per uso esterno: macerare per una settimana 60 g di fiori secchi sminuzzati finemente in 500 g di olio d'oliva. Scaldare a bagnomaria per due ore, mescolando di tanto in tanto. Lasciare intiepidire, filtrare con tela spremendo bene. Conservare in bottiglie di vetro scure a chiusura ermetica. Serve come antinfiammatorio, sulle pelli arrossate e in frizioni, è utile per le lombalgie e mal di schiena. Preparazione dell’oleolito di camomilla. Sacchetti antitarme: realizzati con fiori raccolti in bustine di garza poste negli armadi

da La Prova del Cuoco

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.