Cure e rimedi naturali

mercoledì 22 maggio 2013

I cibi giusti per proteggere la pelle dal Sole

summer

Con l’arrivo del primo sole possiamo ritrovarci la pelle del viso disidratata , spenta e con qualche rughetta di troppo che ci obbliga a proteggerla dal sole non solo con i prodotti adatti ma anche con i cibi utili a mantenerla idratata e tonica. Tenendo a bada la linea, oggi vediamo i cibi che proteggono la pelle dal sole, che favoriscono una salutare abbronzatura e che possono abbassare il nostro ’’spread’’.
I 5 CONSIGLI PER LA PELLE AL SOLE:
1) VERDURA E FRUTTA GIALLO/ARANCIONE
2) VERDURA E FRUTTA ROSSA
3) VERDURA E FRUTTA VERDE 4) CIBI RICCHI DI OMEGA 3 E VITAMINA E
5) DUE LITRI D’ACQUA AL GIORNO
1. POSTO: POMODORO ROSSO E GIALLO Crudi ricchi di Vit.C (17mg)precursore collagene ed elastina,Vit.E ( 1 cottura utile a proteggere la pelle dalla disidratazione(2mg) e LICOPENE carotenoide che aumenta con la cottura (antioss.per la pelle secca). Pomodoro giallo e’anche ricco di betacarotene( Betacarotene per 100 g: 42 mcg ) precursore vit.A utile a proteggere la pelle dal sole e disidratazione. ASSORBIMENTO E’ FAVORITO DA OLIO EVO.
2° POSTO: MIRTILLI NERI E ROSSI M. NERI: composti fenolici (ac.ellagico antioss.) ,Antocianidine Rafforzano i capillari e rallentano processo antinvecchiamento per vit.C (13mg), flavonoidi (studio in corso) 65g = ca 30 bacche al di’. M. ROSSI: proantocianidine antiossidanti per la pelle oltre azione antibatterica(x vie urinarie). Buon connubio per la pelle ,d’estate, con almeno 10 ciliegie. Altri vegetali rossi arancia rossa, barbabietola rossa, ciliegia, fragola, ravanello, rapa rossa.
3° POSTO: MELONE Sembra vuoto di nutrienti ma Contiene potassio, ferro, fosforo, calcio, niacina o vitamina B3 e 90 % acqua e vitamina C utile x formazione del collagene, la sostanza di sostegno e per elasticità della pelle. E’ ricco di betacarotene (Betacarotene per 100 g: 189 mcg ) PRECURSORE della vit. A (CONTRO LA DISIDRATAZIONE) CHE NON stimola la produzione di melanina, il pigmento principale della nostra pelle MA COLORA LA PELLE SE SI ECCEDE IN QUANTITA’ (ES:TROPPE CAROTE – Betacarotene per 100 g: 1148 mcg)
4° POSTO: NOCI E OLI VEGETALI NOCI: ACIDO ELLAGICO,SELENIO e vitamina E e omega 3 (come il pesce)grassi buoni per il cuore che aiutano anche a riequilibrare il film idrolipidico restituendo protezione e tono alla pelle al sole (2-3 NOCI AL GIORNO) . OLIO DI NOCE (X100gr Kcal 884) ricco di grassi essenziali = omega 3 (3 cucchiai = 1,56gr=ca g100 di salmone= 2,2gr). OLIOSESAMO (ca 700kcal)con sesaminolo antiossidante x i tessuti . O.VEG. Spremuti a freddo utili come olio evo a favorire assorbimento vit.A e carotenoidi utili alla pelle.
5° POSTO: CATTIVE DIETE Diete restrittive ,squilibrate povere di grassi vegetali,acqua e frutta e verdura colorata. Metti acqua e colori nel piatto per abbassare lo spread e favorire una bella abbronzatura!!
da La Prova del Cuoco

martedì 14 maggio 2013

Emicrania e cibo

SI PUÒ CONTROLLARE L’EMICRANIA CON L’ALIMENTAZIONE?

image

Emicrania, senso di nausea e dolori a un solo lato del capo sono tra i sintomi del mal di testa, che colpisce una buona % della popolazione. Con i cibi non possiamo curare un problema cronico, che solo lo specialista neurologo può valutare e trattare con farmaci adeguati. Ma a volte il disturbo è una cefalea primaria che si manifesta dopo l’assunzione di alcuni cibi o per qualche individuale intolleranza ad alcune sostanze. Con la borsa di oggi possiamo conoscere i cibi e le sostanze che possono aiutarci a controllare o alleviare questo disturbo quando è acuto.

I 4 consigli utili per controllare l’emicrania A TAVOLA:

1) Fare 5 pasti leggeri a base di cibi utili per prevenire il mal di testa (BVN)

2) Rispettare gli orari e non saltare i pasti

3) Evitare alcuni alimenti (sost. vasoattive)

4) Mangiare lentamente e masticare bene

ED ECCO LA CLASSIFICA DEGLI ALIMENTI UTILI A CONTROLLARE IL MAL DI TESTA:

1) LENTICCHIE DECORTICATE = Ac. Folico o vit.b9 (IN 100GR= 479 microgr. ) St. australiano = riduce omocisteina ed emicrania. si trova anche in verdura a foglia verde-legumi fegato-carni.- utili 400mcg al dì SU PODIO 1: PIATTO DI PASSATO DI LENTICCHIE CON PEPERONCINO A LATO CON OLIO E.V.O. + CIOTOLINA DI LENTICCHIE DECORTICATE.

2) ORZO = Magnesio, AC. FOLICO, vit. B1, B2, B3, B6, B12 utili al sistema nervoso la vit B2 O riboflavina interviene nella diminuzione della frequenza e intensità emicrania (studi neurologi belgi ) si trova anche nel latte e derivati e frutta secca. PODIO

2: INSALATA D’ORZO CON SOPRA UN UOVO SODO A FETTINE + TAZZA GRANDE CON ORZO + BRICCHINO DI LATTE DI SOIA 3) KIWI = Vit.C (St. USA) regola prod. OSSIDO DI AZOTO NE SONO RICCHI AGRUMI –PEPERONI – VERDURA VERDE 1 KIWI AL DI’ COPRE FABBISOGNO GIORN. VIT. C che FAVORISCE ASS. FERRO . Kiwi ricco anche di vit. E, acido folico, magnesio, calcio, fosforo e fibra PODIO

3: CIOTOLA CON MACEDONIA DI KIWI E ARANCE + SPICCHI DI LIMONE INTORNO E BICCHIERE CON CENTRIFUGATO DI ARANCE, KIWI E POMODORO. 4) CAFFE’ = CAFFEINA SI’ O NO? (Univ. of Vermont-USA: potere vasocostr.) (caff. 200mg) x cefalea di tipo tensivo, cefalea da astinenza di caffeina se abitualmente si eccede. Dose MEDIA cons . 2-3 tazz. Al dì PODIO

4: TAZZINA CAFFE’ + ADORNARE CON CHICCHI 5)ALIMENTI “VASOATTIVI’’ = (ISTAMINA, TIRAMINA, GLUTAMMATO, NITRITI, NITRATI...). OGNUNO HA IL SUO CIBO ’’NO’’: Cioccolato, Insaccati, Uova, Latte, Frutta secca, Formaggi fermentati, Bevande gassate, Coloranti... PODIO

5: SU PIATTO: CIOCCOLATO, FETTINE DI SALAME, FRUTTA SECCA, 1 UOVO, 1 BICCH. LATTE, FORMAGGIO FERMENTATO

da La Prova del Cuoco

Insonnia in Primavera

image


Siamo in Primavera ma dobbiamo ancora adattarci al clima variabile e all'ora legale che può influenzare un buon addormentamento e il sonno, insieme allo stress accumulato in inverno. Anche per bambini e anziani l'ora di luce in più può essere un problema! (Esistono studi -progetto Morfeo- che evidenziano il rapporto tra l’insonnia, il sistema ormonale e i ritmi circadiani scanditi dall'alternarsi di Luce e buio.) Uno studio americano attesta il ridursi del tempo di sonno con l'avanzare degli anni. Una recente ricerca dell'American Academy of Sleep Medicine ha formulato alcuni CONSIGLI e alcuni CIBI per FAVORIRE un buon SONNO e abbassare il ns. ’’spread’’.
Dormire poco e male può favorire nel tempo molti disturbi (ansia, depressione, stanchezza diurna e problemi indotti) e, secondo recenti ricerche, alimentazione e sano stile di vita sono in stretto rapporto col sonno.
I 4 Consigli nelle ore precedenti il Sonno:
1 - EVITARE l’intensa attività fisica e mentale
2 - EVITARE l’abuso di cibi salati, piccanti ed eccitanti
3 - ASSUMERE cibi ricchi di Triptofano e Melatonina
4 - BERE infuso di Luppolo, Passiflora e Fiori di Tiglio
1. LATTUGA:Benefica nel trattam. dell’insonnia = LACTUCARIO (eff. sedativo) Antiossidanti, Vit.C, Ca, Fe, Mg, K e Fibre (contro arteriosclerosi)
Iniziare pasto serale con un piatto di lattuga fresca calmante e analgesica.
2. RADICCHIO ROSSO:TRIPTOFANO = contro insonnia e pro sistema nervoso. ANTOCIANI (antiossidanti) = depurativi per fibre + principi amari, Calcio = calmanti e rilassanti (studio Univ. Urbino)
3. LATTICINI: Latte, yogurt, formaggi = fonti di Triptofano (serotonina) Ca e Mg contro nervosismo e insonnia, migliorano il sonno notturno. SE intolleranti al Lattosio = yogurt prima di coricarsi (o latte di soia)
4.PASTA, RISO, CEREALI INTEGRALI: Poco elaborati, con verdura o legumi anche a cena. Mg e Triptofano [= serotonina => melatonina (regola ciclo sonno/veglia)] Avena, mandorle, banane e crescione = melatonina. Attenzione alla quantità!
5. CIBI SALATI , PICCANTI , ECCITANTI: Possono favorire insonnia o interrompere il sonno. Eccesso di superalcolici = sonnolenza iniziale MA POI INSONNIA! SE NON RIPOSIAMO BENE (almeno 7-8 ore) SALE LO SPREAD!!!
da La Prova del Cuoco

La camomilla

imageL’arrivo della primavera porta con se, oltre al sole e alle belle giornate, il manifestarsi di fastidiosi sintomi allergici, dovuti al rifiorire della natura e al proliferare di pollini… Per combattere i sintomi più comuni delle allergie, come rossore e gonfiore, agli occhi, prurito al naso e alla gola, un aiuto valido arriva ancora una volta dalla natura, attraverso la camomilla, un vero toccasana! La camomilla comune è originaria del sud-est asiatico, ma si è diffusa in tutto il bacino del Mediterraneo, in Europa e nel Sud America. E’ una pianta erbacea annuale, con fusto alto fino a 50 cm nelle piante spontanee e fino a 80 cm in quelle coltivate; i fiori sono riuniti in capolini. Cresce dal mare fino alla regione submontana (fino a circa 800 m), è comune nei prati, nei campi coltivati, lungo le strade e vicino alle case. La fioritura avviene da maggio ad agosto. Il prodotto più importante della camomilla è l'essenza (olio di camomilla), i cui componenti fondamentali sono l'azulene (antinfiammatorio) e il bisabololo (calmante). I fiori secchi di camomilla sono impiegati nella preparazione di infusi (azione antispasmodica, antisettica, ecc.); l’olio essenziale, grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie, è utilizzato dalle industrie farmaceutiche e cosmetiche per la preparazione di colliri e prodotti per la protezione della pelle. Proprietà e benefici: La camomilla esercita blandi effetti, comunque interessanti: 1. calmante e antispasmodico: è molto utile per sedare gli spasmi dello stomaco e dell'intestino dovuti a nervosismo e ansia; è utile anche nella cura di ogni tipo di coliche, specialmente quelle renali e biliari. 3. digestiva: la pianta è indicata, come tisana, in caso di indigestione o di digestione pesante; calma la nausea e il vomito e stimola leggermente l'appetito; le camomille più amare esercitano un'azione eupeptica più intensa. 5. febbrifugo e sudorifero: si consiglia a chi ha la febbre, soprattutto ai bambini, perché fa abbassare la temperatura e stimola la traspirazione. 6. analgesico: calma i dolori di testa e alcune nevralgie. 7. antiallergico: moderale reazioni allergiche, come la rinite e la congiuntivite allergica, e la sua efficacia è stata dimostrata scientificamente; si raccomanda per calmare le crisi allergiche acute e come cura di base per evitarle. I risultati migliori si ottengono combinando l'uso interno (tisane) con quello esterno (colliri, irrigazioni nasali). Preparazione di uno spray. 8. cicatrizzante, emolliente e antisettico: per uso esterno dà buoni risultati per lavare ogni tipo di ferite, ulcere e infezioni della pelle; l'infuso di camomilla costituisce un ottimo collirio per fare lavaggi oculari in caso di congiuntivite o di irritazione oculare e si utilizza anche come antinfiammatorio, in impacchi, per eczemi, eruzioni e altre malattie della pelle. • contro gli insetti: fiori di camomilla essiccati, raccolti in bustine di garza poste negli armadi, allontanano tarme e altri insetti • cosmetica per i capelli: i capelli castani o rossi, lavati con infuso di camomilla, diventano più e brillanti. Preparazioni: Olio semplice per uso esterno: macerare per una settimana 60 g di fiori secchi sminuzzati finemente in 500 g di olio d'oliva. Scaldare a bagnomaria per due ore, mescolando di tanto in tanto. Lasciare intiepidire, filtrare con tela spremendo bene. Conservare in bottiglie di vetro scure a chiusura ermetica. Serve come antinfiammatorio, sulle pelli arrossate e in frizioni, è utile per le lombalgie e mal di schiena. Preparazione dell’oleolito di camomilla. Sacchetti antitarme: realizzati con fiori raccolti in bustine di garza poste negli armadi

da La Prova del Cuoco

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.