Cure e rimedi naturali

mercoledì 6 febbraio 2013

La Passiflora ha proprietà ansiolitiche

passiflora

La Passiflora deve il suo nome alla forma del fiore, che ricorderebbe appunto la corona di spine della Passione di Cristo, ma è conosciuta in particolare come pianta rampicante ornamentale. La Passiflora è originaria dell'America centrosettentrionale, ampiamente coltivata a scopo ornamentale e medicinale.

Tempo balsamico: la pianta si recide, poco sopra il terreno, quando i frutti sono maturi.

Attività principali e impiego terapeutico

In medicina tradizionale si utilizzano proprio le sommità fiorite (presenti anche in Farmacopea Ufficiale) per infusi. I preparati di Passiflora sono impiegati come sedativi nell'ansia e nell'insonnia, nei disturbi nervosi soprattutto dei bambini.

Conoscenze scientifiche

I costituenti chimici presenti sono in particolare Flavonoidi (iperoside, vitexina ecc.), alcaloidi, maltolo, crisina (5,7 diidrossiflavone), olio essenziale e cumarine In Fitoterapia estratti di Passiflora vengono utilizzati comunemente come sedativo del Sistema Nervoso. Le sue azioni farmacologiche sono dovute soprattutto ai flavonoidi contenuti nelle parti aeree della pianta. Studi clinici e sperimentali hanno dimostrato l'attività ansiolitica, e la conclusione è che la migliore attività sedativa si ottiene con l'uso di estratti totali e non con i principi attivi isolati. Indicata per calmare gli stati di eccitazione nervosa (angoscia, isteria, palpitazioni, disturbi nervosi della menopausa, gastralgie, colon irritabile ecc.). La Passiflora presenta inoltre una buona attività antispastica sulla muscolatura liscia, studiata in vitro sull'intestino di coniglio e confermata in clinica. Indicata nelle varie forme di somatizzazione ansiosa viscerale: spasmi gastrici, colon irritabile ecc. E' presente anche in numerose specialità medicinali.

Avvertenze

La Passiflora può interagire con i barbiturici (prolunga il tempo di sonno)e con i sedativi (può aumentare l'effetto sedativo di farmaci o di altre piante).

Livelli di tossicità: considerata relativamente innocua se assunta in quantità appropriate per brevi periodi di tempo.

Gravidanza ed allattamento: la pianta non è mai stato associato ad aborti, ma la prudenza suggerisce alle donne gravide di evitarne l'assunzione per la presenza nel fitocomplesso di stimolanti uterini. E' sconsigliata l'assunzione sia nel periodo della maternità che dell'allattamento, i pericoli superano qualunque possibile beneficio.

Neonati e bambini: è rischioso somministrare qualsiasi preparato a base di piante medicinali a bambini sotto i due anni d'età.

http://www.universonline.it

1 commento:

  1. alcuni dei vantaggi di rimedi naturali sono: essi sono meno aggressivi per l'organismo, promuovere il benessere generale, non solo un sintomo di combattimento. Molti trattamenti naturali anche aiutano con le vostre emozioni, non hanno effetti a lungo termine. A differenza di molti farmaci, che sono sostanze nel corpo che può danneggiare gli organi.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.