Cure e rimedi naturali

giovedì 24 maggio 2012

Rimedi naturali contro la meteoropatia

Qualcuno lo chiama mal di tempo, altri meteoropatia, altri ancora parlano di meteorosensibilità: sono solo modi diversi di indicare lo stesso fenomeno, ovvero il complesso di disturbi, come irritabilità, mal di testa, insonnia o il riacutizzarsi di disturbi preesistenti, che colpiscono alcuni soggetti quando cambiano le condizione del tempo. Secondo i dati elaborati dal CNR di Firenze il problema coinvolge quasi 15 milioni di italiani.

Una volta le lamentele di chi soffriva di dolori vari o di sonnolenza e sbalzi di umore con l’arrivo della primavera venivano liquidate come mali immaginari, ma oggi si sa che l’instabilità del tempo, più accentuata con il cambio di stagione, comporta dei veri e propri mali fisici, e non solo di natura psicologica e psicosomatica, comuni a moltissime persone di tutte le categorie. Gli esperti spiegano infatti che "la meteoropatia è una malattia a tutti gli effetti e ogni anno colpisce un italiano su quattro". Per combattere questi disturbi, per fortuna, non è necessario ricorrere ai farmaci, ma ci sono molti rimedi naturali, come riferisce il mensile Airone, diretto da Andrea Biavardi, che ha coinvolto esperti e ricercatori per svelare i segreti del “mal di tempo”. Tra gli alleati contro i piccoli e grandi mali legati al meteo ci sono aglio, ginseng, propoli e soprattutto il relax.



Secondo i medici, in molti casi è opportuno parlare più che altro di meteorosensibilità, ovvero quando i disturbi sono lievi e per lo più di natura psicologica e psicosomatica (insonnia, propensione all'irritabilità o cambiamenti di umore): Si può parlare poi di meteoropatie primarie, ad esempio in caso di mal di testa o di schiena, o secondarie quando sono presenti sintomi come l'acuirsi dei dolori reumatici o il peggioramento di stati patologici preesistenti. I rimedi? Nessuna medicina, ma relax e cure naturali per "superare le crisi". I fenomeni atmosferici caratterizzati da brusche variazioni di temperatura, vortici freddi, zone di bassa pressione e correnti a getto in quota, possono causare una caduta delle difese immunitarie dell'organismo e un aumento della virulenza di funghi, batteri e virus.

Ma tutto questo è ancora solo una teoria, anche perché, come spiega Martina Petralli, ricercatrice del Centro di bioclimatologia dell'Università di Firenze, "indagare sulle cause precise delle meteoropatie è molto difficile: chi ne soffre non si rivolge quasi mai agli ospedali e mancano quindi dati certi sui disturbi".



Buona regola è, come sempre, evitare il "fai da te". Esistono però dei rimedi naturali che aiutano a controllare i sintomi. Uno dei malesseri più diffusi, ovvero la "sindrome da temporale", cioè il mal di testa che preannuncia l'arrivo una perturbazione o un temporale e che colpisce di preferenza persone stressate, stanche o ansiose, si controlla con passeggiate all'aria aperta ed evitando cibi come vino, cioccolata e superalcolici. Il migliore rimedio è invece l'aglio, che favorisce la circolazione e attenua il mal di testa.

Contro il malessere generato dagli sbalzi di temperatura, umidità o pressione, che portano con sé sbalzi d'umore o crisi d'ansia sono utili tisane e infusi di camomilla, malva, biancospino, ulivo e melissa più efficaci negli orari pomeridiani. Ai soggetti depressi o con umore instabile sono consigliati i preparati a base di Ipericum perforatum, non adatti però a chi è particolarmente sensibile o eccitabili, o anche ginseng, pappa reale, propoli e miele, anche associati a sedativi vegetali oppure a balsamici come eucaliptolo e olio di mugo.

http://www.tgcom.mediaset.it/

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.