Cure e rimedi naturali

giovedì 3 maggio 2012

Difendersi dalla stanchezza in maniera naturale

Con la primavera calano le difese immunitarie e sentiamo di più la stanchezza.

Un posto d’onore tra i rimedi naturali spetta senza dubbio al luppolo, conosciuto come ingrediente principe della birra, possiede innumerevoli virtù, che lo rendono un valido alleato della salute. Il luppolo, infatti, è una pianta aromatica che cresce in modo spontaneo, nota sin dai tempi dei Sumeri. E’ ricca, infatti, di tannini, oli essenziali, aldeidi, sali minerali e preziosi flavonoidi dall’azione antiossidante.
Il luppolo possiede proprietà antispasmodiche e sedative, che lo rendono utile nel trattamento degli stati di agitazione e di insonnia di origine nervosa, evenienze che durante la primavera possono presentarsi con una certa frequenza. Quando si riposa male e lo stress avanza è facile che le difese immunitarie diminuiscano. Per combattere la stanchezza tipica di questo periodo si può preparare in casa un infuso di coni di luppolo da bere alla sera, per 1 settimana. Si può potenziare con del miele di tiglio dall’azione rilassante. Si prepara versando su 5 grammi di coni di luppolo (si trovano in erboristeria) 250 ml di acqua bollente e si lascia riposare per una decina di minuti. Si filtra e si beve, sono consigliate 2 tazze al giorno (pomeriggio e sera) da consumare a digiuno. In alternativa si può preparare un altro tipo di infuso a base di luppolo e altre piante dall’azione calmante. Si miscelano 20 grammi di luppolo, 50 grammi di fiori di camomilla, 20 grammi di passiflora, e 10 petali di papavero selvatico, e si prendono 2 cucchiai su cui si versano 100 ml di acqua bollente. Si filtra e si beve, è consigliato la sera. Per dolcificare si può usare del miele, non più di 1 cucchiaino. Il luppolo si può assumere anche sotto forma di estratto secco, ne basta 1 opercolo prima di andare a letto. http://www.medicinalive.com/


Quando è la stanchezza psicofisica a smorzare ogni entusiasmo e voglia di fare, ci si può affidare al potere tonico, rinvigorente ed energetico del ginseng. Prendere 10 g di estratto secco sotto forma di compresse la mattina, a stomaco vuoto, aiuta ad affrontare la giornata con lo spirito giusto. Da usare fino a quando ci si sente meglio. Un altro albero importante alleato dell’umore, della memoria e della concentrazione è il ginkgo biloba, che ha proprietà antiossidanti, antidepressive e toniche. Una compressa di estratto secco (12g) ogni mattina, a stomaco vuoto, è l’ideale per ritrovare energia (da usare per il periodo necessario). Contro affaticamento e spossatezza, è utile il guaranà, psicostimolante e tonico: si consiglia di assumere una compressa di estratto secco (60 mg) la mattina, a stomaco vuoto, fino a miglioramento della situazione. Per combattere stress e stanchezza, è bene seguire qualche semplice regola: vietato farsi prendere dal panico, quando gli impegni sono troppi e non si riesce a gestire tutto, meglio fermarsi, fare un respiro e prendersi un’oretta di svago, poi sarà tutto più facile; imparare a dire di no, non si può fare tutto, meglio scegliere lavori e impegni non indispensabili; la vita non può essere solo dovere, bisogna anche ritargliarsi degli spazi per rilassarsi, ascoltare musica, uscire con gli amici, fare una passeggiata anche da soli. http://www.mondobenessereblog.com


La stanchezza tipica della primavera è tuttavia un fenomeno normalissimo che colpisce chiunque. Molti avvertono calo di energie sia fisiche che mentali ed è forte la tendenza a voler dormire continuamente. I capelli si indeboliscono e cadono più facilmente, mentre i reni sono sovraccaricati e lavorano di più. Tutto ciò sfianca il sistema nervoso e il benessere psicofisico sembra venir meno. Tuttavia, questo nervosismo è paradossalmente frutto di un eccessivo livello di energia che colpisce l’organismo, che raggiunge proprio in primavera il suo picco. Per evitare che ciò comprometta troppo l’organismo, bisogna agire cercando di depurarlo e drenarlo e, soprattutto, facendo sì che gli organi più sollecitati vengano messi in condizioni ottimali. È indispensabile depurare i reni che, filtrando i liquidi del nostro corpo, eliminano le scorie attraverso l’urina. Allo stesso modo, vanno salvaguardate uretra e vescica, anch’esse coinvolte nel processo di eliminazione delle scorie dal corpo. Infine, bisogna depurare il sistema linfatico e sanguigno, specialmente per controllare i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue. Per depurare e drenare reni, vescica, uretra e sistema linfatico e sanguigno bisogna seguire alcune accortezze alimentari. ad esempio, sarebbe opportuno eliminare il sale, che fa male ai reni, e cominciare a bere di più del solito. Bisogna diminuire il consumo di proteine e carni, evitare cibi che contengono additivi e conservanti e privilegiare cibi freschi, specialmente frutta e verdura. Inoltre, anche i formaggi andrebbero evitati. Per favorire il drenaggio bisogna affidarsi ad alcuni tipi di tisane. La linfa di betulla, da procurare in erboristeria, aiuta a eliminare l’acido urico dai reni. Il faggio è un importante drenante in grado di curare l’affaticamento dei reni e di rigenerarli. Il mirtillo rosso, antiinfiammatorio e antimicrobico, aiuta a eliminare i germi. Il castagno, infine, drenando il sistema periferico, aiuta a non avvertire il senso di pesantezza alle gambe. Per combattere l’insonnia, ideale sarebbe fare un bagno aromatico la sera: la vaniglia aiuta a sciogliere lo stress e l’affaticamento; il sandalo aiuta a distendere la mente; la mirra toglie l’infiammazione alla pelle ed elimina le impurità. Il miglio permetterà di rinforzare capelli e unghie; si tratta di un cereale che contiene vitamine A e B, ferro, calcio, acido folico, magnesio e zinco. Infine, per almeno tre giorni bisogna seguire una dieta depurativa. Nell’alimentazione bisogna introdurre pesce e verdure fresche, in particolare porri e cipolle da mangiare in insalata. A questo, aggiungere le già citate tisane drenanti. http://www.diredonna.it

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.