Cure e rimedi naturali

giovedì 20 ottobre 2011

Kamut: protegge pelle, articolazioni e digestione

Il kamut possiede un patrimonio proteico del 30% superiore rispetto al frumento comune. Il kamut è ricco anche di vitamine (soprattutto la E), di minerali (magnesio, zinco e selenio, fosforo e calcio) e di aminoacidi (il 65% in più rispetto al frumento), che ne fanno un alimento ideale per prevenire le malattie provocate da ossidazione cellulare. Facilmente digeribile, il kamut è consigliato in particolare a coloro che hanno lo "stomaco delicato" o soffrono di gastrite. Ha virtù disintossicanti e aiuta a prevenire l'artrite.

È un grano "bio" e privo di pesticidi

Grazie al suo inalterato patrimonio genetico che possiede da millenni, il kamut resiste molto bene a qualsiasi avversità atmosferica e inquinante: non necessita dunque di trattamenti fertilizzanti o pesticidi e quindi si rivela un alimento perfetto per la coltivazione biologica. Il suo chicco, tre volte più grande di quello del frumento, contiene poca umidità ed è poco "attaccato" dagli insetti. Oggi tutto il kamut in commercio proviene da coltivazioni biologiche e non OGM.

Ora il kamut non si coltiva solo in America

Dal 1990 il kamut è un marchio brevettato da un'azienda americana che lo coltiva tra Canada e Stati Uniti e che attualmente è l'unica che ha il diritto a utilizzare la denominazione "kamut". Tuttavia esistono oggi diverse coltivazioni di questo cereale - chiamato in altro modo -, anche al di fuori del territorio americano.

È depurativo

Grazie alla sinergia di fibre, crusca, vitamine e sali minerali, il kamut stimola l'intestino e l'espulsione delle scorie.


Tonifica lo stomaco

Leggero e facile da digerire, questo antico cereale viene subito assimilato e non crea fermentazioni.

È un ottimo antiage

L'associazione tra vitamina E e selenio favorisce il rinnovamento cellulare e rallenta i processi di invecchiamento.

Non usarlo se....

Evitalo se sei intollerante al glutine Visto che contiene glutine, il kamut non deve essere mai consumato dai celiaci e dagli intolleranti a questa proteina. Tuttavia il kamut è meno allergizzante perché la percentuale di glutine è più bassa rispetto a quella degli altri cereali.

Come si consuma il kamut

Consigliato ai bambini, agli adolescenti e agli sportivi, il kamut ha un contenuto in lipidi e carboidrati a lunga assimilazione che garantisce un apporto energetico continuativo nell'arco della giornata. Tanti sono i modi per gustarlo.

- A colazione: insieme al latte di soia il kamut in fiocchi forma un'ottima accoppiata ricostituente, oppure si abbina bene con muesli e yogurt.

- A pranzo e a cena: il kamut si gusta sotto forma di pasta e pane o in grani, aggiunti una volta lessati alle zuppe.

- Il kamut si trova anche come ingrediente di cracker, grissini, biscotti, merendine; con la farina di kamut si preparano torte e gnocchi.
http://www.riza.it

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.