Cure e rimedi naturali

venerdì 2 settembre 2011

Rimedi naturali per l'alitosi

Sfatato mito: il 90% dei casi di alitosi dipende dalla bocca e non, come comunemente si crede, da patologie gastro-intestinali o delle vie aeree. A spiegarlo e' Saverio Giovanni Condo', direttore del Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche dell'Universita' di Roma ''Tor Vergata'': ''Il 90% dei casi di alitosi dipende dalla bocca, e di queste il 50% e' dovuto a patologie del cavo orale e a restauri incongrui. Il rimanente 10% puo' invece dipendere da patologie gastro-intestinali (reflusso gastro-esofageo, stenosi pilorica), tumori, malattie sistemiche (diabete mellito, epatopatie) e patologie delle vie aeree (nasali, paranasali, laringee, polmonari)''. A soffrirne, secondo le stime, ''e' il 50% della popolazione di eta' superiore ai 40 anni. Per quello che riguarda i giovani, invece, l'alitosi sembra essere presente nel 15-20% dei soggetti di eta' compresa tra i 15 e i 30 anni''.

Prevenire e' sempre meglio che curare. ''I principali responsabili dell'alitosi sono i batteri che proliferano nel cavo orale, e in particolare quelli che formano la placca dentale e l'esteso biofilm che ricopre la lingua - spiega Condo' -. Di conseguenza un'accurata igiene orale con spazzolino, dentifricio e specifici collutori e' la base del trattamento contro questo disturbo. Inoltre, l'uso del filo interdentale e degli scovolini permette di ridurre la disponibilita' di nutrienti per i batteri in siti difficili da raggiungere con lo spazzolino. Ancora piu' efficace risulta l'uso quotidiano del puliscilingua che permette di rimuovere la patina di biofilm dal dorso della lingua''. http://www.asca.it/

Alitosi rimedi naturali:
La menta, da prendere in chewing-gum o in caramelle.
Il tè verde, da prendere sotto forma di tisane o in caramelle.
L'anice stellato, da prendere sotto forma di tisane o in caramelle.
Il finocchio, da prendere sotto forma di semi per purificare l’alito.

Una tisana efficace contro l'alitosi: mettete a bollire in un litro d'acqua 50 g di menta in foglie, 30 g di salvia in foglie, 20 g di altea (radice), 10 chiodi di garofano. Appena inizia a bollire, spegnere e lasciare in infusione per 20 minuti. Filtrare e berne 3-4 tazze al dì sorseggiando lentamente o anche facendo gargarismi e sciacqui dopo i pasti.
La menta è un dentifricio e collutorio naturale, ha un'azione cioè rinfrescante, deodorante, antisettica in caso di flogosi del cavo orale. La salvia è ricca di oli essenziali ad attività antimicrobica, astringente, leggermente emostatica, coadiuva l'attività della menta. L'altea, per la sua ricchezza in mucillagini, esplica un'attività antinfiammatoria, antiessudativa ed emolliente. I chiodi di garofano conferiscono alla tisana ulteriori proprietà deodoranti e antifermentative.
Altri efficaci colluttori naturali sono le tinture di camomilla o mirra, diluite con acqua.

Medicina tradizionale cinese

L'alitosi in medicina tradizionale cinese può dipendere da due fattori: Fuoco di Stomaco o deficit di qi nella Milza. Per disperdere il Fuoco di Stomaco, si lavora sui punti:

HE GU (sul lato radiale dell'indice, all'altezza del punto medio del II metacarpo) che tonifica il qi;
LIANG QIU ( 2 cun sopra il bordo superiore della rotula) che espelle l'Umidità-Freddo che avvolge lo Yang dello Stomaco;
NEI TING (0,5 cun dietro il bordo della membrana interdigitale, fra il II e il III dito del piede) che regola il qi e blocca il dolore;
WEI SHU (1,5 cun a lato dell'apofisi spinosa della XII vertebra toracica) che tonifica e regola lo Stomaco e dissolve l'Umidità;
Nel caso di alitosi da deficit di qi nella Milza, i punti da utilizzare sono:
FENG LONG (a metà tra il bordo interiore della rotula e il vertice del malleolo esterno), dissolve l’Umidità, mobilizza il qi della Milza;
ZU SAN LI (sotto il bordo inferiore della rotula, a lato della cresta tibiale anteriore), tonifica Milza e Stomaco;
PI SHU (punto Shu del dorso della Milza, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa della IX vertebra toracica), mobilizza il qi della Milza;

Olii essenziali

Molto indicati per sconfiggere l'alitosi sono gli olii essenziali di menta e cardamomo.

Omeopatia

I preparati omeopatici per l'alitosi sono: Carbonicum acidum 5 CH (5 granuli, 2 volte al dì), poiché il fenolo viene usato in omeopatia nelle gengivostomatiti con alitosi fetida, spesso associate a ulcerazioni gengivali; Mercurius solubilis 9 CH (5 granuli, 1 volta al dì), adatto anche per le forme di alitosi fetida percepibili a lunga distanza.

Esercizi

L'esercizio migliore per difendersi dall'alitosi è quello di impugnare lo spazzolino e fare pratica con il filo interdentale. Posizionate lo spazzolino a 45° rispetto alla gengiva, muovete lo spazzolino delicatamente avanti e indietro con movimenti brevi in modo da pulire un dente per volta, spazzolando la superficie esterna e interna dei denti. Usate la punta dello spazzolino per pulire la superficie interna dei denti anteriori con un delicato movimento dall'alto al basso per i superiori e dal basso all'alto per gli inferiori. Spazzolate la superficie masticatoria del denti posteriori con un movimento avanti e indietro. Non dimenticate la lingua per rimuovere i batteri e rinfrescare l'alito. Per rimuovere la placca tra dente e dente è invece indispensabile il filo interdentale.http://www.cure-naturali.it/

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.