Cure e rimedi naturali

giovedì 10 marzo 2011

Via ansia e stress con i Fiori di Bach

La floriterapia interviene sugli stati d'animo che possono favorire la nascita e lo sviluppo dell'ansia e dello stress. Vediamo assieme cinque possibilità diverse d'intervento con i fiori di Bach.

Rock Rose. Questo fiore di Bach, estratto dall'eliantemo, è consigliato per chi va in ansia perché è terrorizzato dal mondo; cura le situazioni di profonda paura, lo spavento causato da qualunque evento improvviso. Il fiore di Bach Rock Rose si usa anche in occasione degli attacchi di panico con sensazioni di tachicardia, senso di oppressione al petto e alla gola, vertigini, "fiato corto", tremori.

COME AGISCE. Aiuta a recuperare coraggio e lucidità per reagire alle contingenze, attenua i sintomi fisici.

Cherry Plum. La floriterapia consiglia questo rimedio, che si ricava dal mirabolano, quando temiamo di non farcela. È utile nei casi di fortissima emotività e quando ci si sente sul punto di "esplodere" perché non si riesce a controllare tutto.

COME AGISCE. Aiuta a ritrovare la calma e la tranquillità.

Star of Bethlhem. Per chi è come immobilizzato dallo stress, questo rimedio naturale è estratto da un fiorellino chiamato Stella di Betlemme.

COME AGISCE. Ha un'azione consolatoria, rende più forti e concreti al momento di affrontare un trauma o un super lavoro.

Oak. È il fiore di Bach ricavato dai fiori della quercia, utile alle persone stremate dalla massa di impegni che assumono perché soffrono di un eccessivo senso di responsabilità.

COME AGISCE. Dissolve l'ansia di chi "si fa in mille" per non deludere mai nessuno.

Rescue remedy. Un tremore improvviso nel bel mezzo della metropolitana all'ora di punta, una crisi respiratoria in un supermarket affollatissimo, tachicardia e sudori freddi nel buio di un teatro, la sensazione di non farcela. Per alleviare i sintomi prodotti da queste situazioni ansiogene e stressogene esiste un cocktail di fiori di Bach specifici: è Rescue Remedy, una miscela di Rock Rose, Cherry Plum, Star of Betlehem, Clemantis e Impatiens che, agendo in sinergia tra loro, costituiscono una sorta di "pronto soccorso" naturale e aiutano a sentirsi più lucidi e reattivi nel momento difficile.

Come usare i fiori di Bach

Diluire 4 gocce del fiore di Bach scelto in una boccetta con contagocce da 30ml, riempita con acqua minerale naturale e due cucchiaini di brandy. Assumere 4 gocce sublinguali 4 volte al giorno per 3 settimane, o più spesso in caso di emergenza. Gli effetti si vedono dopo almeno tre settimane di cura.

http://www.riza.it/

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.