Cure e rimedi naturali

venerdì 15 ottobre 2010

Il Tè verde

L'origine del tè verde è raccontata da una singolare leggenda cinese. Si narra che l'imperatore cinese Shen Nung fosse intento a bollire la sua acqua da bere quotidiana. Riteneva infatti che questa consuetudine mattutina fosse un'efficace garanzia di vita lunga e sana. Mentre l'acqua bolliva, un soffio di vento depositò alcune foglie di Camellia Sinensis nel recipiente in ebollizione. L'imperatore, apprezzandone l'aroma, lo bevve. Da allora, la pratica di consumare tè verde si diffuse in tutta la Cina.
Antica bevanda millenaria, il tè verde per le sue proprietà salutari desta meraviglia proprio perché svolge un'azione molto profonda su tutto l'organismo.

Meglio tre giorni senza cibo che un solo giorno senza tè...

Il tè verde rimane una delle spezie da infuso più pregiate al mondo. Ben noto nella tradizione orientale come apportatore di salute, è oggetto di interessanti studi che ne dimostrano la preziosa azione terapeutica. E' infatti utile per la prevenzione e la cura di alcune delle principali malattie che affliggono la società moderna, come il cancro e le malattie cardiovascolari. Polifenoli, tannini, catechine, flavonoidi, vitamine e sali minerali sono sostanze presenti in questa bevanda. Hanno un'attività antiossidante fino a 100 volte più potente della vitamina E e della vitamina C. Una tazza di tè verde offre una maggiore protezione contro il danno ossidativo da radicali liberi di un piatto di broccoli, di una porzione di frutti di bosco o di un'arancia.
Esistono tre tipi di tè: Nero, Oolong e Verde, tutti ricavati dalle foglie della Camellia Sinensis, sottoposte a diverse fasi di lavorazione. Il tè nero è quello maggiormente consumato nei paesi europei e americani. Ha un gusto deciso e gradevole, frutto della lunga fermentazione subita dalle sue foglie. Il tè verde invece deriva da foglie essiccate e trattate per impedire il processo di fermentazione. Le foglie del tè Oolong vengono lasciate fermentare per un tempo più breve.
Esistono poi alcune varietà di tè verde. Il Gyokuro è un tè giapponese di altissima qualità, dal sapore amabile e corposo. Il Sencha è il più comune tè verde, dal gusto delicato e usato come bevanda da pasto. Il Matcha è il tè impiegato per la cerimonia giapponese del tè, mentre il Bancha è un tè verde a ridotto contenuto di teina dal sapore molto netto e forte, indicato per un consumo quotidiano abbondante.

10 preziosi principi per il benessere.
1. Contribuisce a tenere sotto controllo il colesterolo del sangue
2. Rallenta il processo di invecchiamento cutaneo grazie alla potentissima attività antiossidante delle catechine.
3. Riduce il rischio di malattie cardiovascolari.
4. Aiuta a prevenire il rischio del cancro, inimizzando i danni da radicali liberi.
5. Rinforza il sistema immunitario
6. Riduce il rischio di ictus cerebrale
7. Aiuta a prevenire la carie e la caduta dei denti
8. Abbassa il rischio di arteriosclerosi
9. Aiuta a regolarizzare la concentrazione di zuccheri nel sangue
10. Favorisce il dimagrimento.

Esiste poi un modo giusto per fare il tè verde: con piccole regole si può trarre il meglio delle sue foglie. Per mantenere integro il preziosissimo patrimonio di principi attivi, la preparazione deve rispettare alcune regole. Il tè va lasciato in infusione in acqua calda ma non bollente.
L'acqua bollente denatura e ossida molte sostanze attive del tè verde, rendendolo molto efficace. L'infusione dovrebbe essere compresa tra i due e i quattro minuti.
Chi preferisce può dolcificarlo con poco miele o malto d'orzo e aggiungervi una fetta di limone. Evitate di aggiungere latte: la caseina, una proteina del latte neutralizza i componenti più benefici del te verde.
http://www.bellezza.it/

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.