Cure e rimedi naturali

giovedì 27 maggio 2010

Stipsi e meteorismo: le cure naturali

Ortaggi e frutta ricchi di fibre sono utili per prevenire la stipsi, la quale può causare, oltre il gonfiore, disturbi seri all'intestino.
Hanno un effetto regolatore la lattuga (sedativa, emolliente ed antiinfiammatoria), i carciofi, il topinabur e la catalogna.
I legumi, i cereali integrali e la frutta seccas migliorano la flora batterica intestinale e le difese dell'intestino, però favoriscono il meteorismo.

Ecco alcuni piatti utili al nostro problema:

Composta di prugne secche

Lasciate a bagno per una notte, in un bicchier d'acqua, 250g di prugne secche denocciolate. Mettetele in una casseruola, insieme all'acqua di ammollo, con un pò di scorza di limone e di arancia ed un pezzettino di cannella. Coprite e fate cuocere per 10'. Stemperate 1 cucchiaio di agar agar ( alga reperibile in polvere usata come addensante, ha un'azione lenitiva, depurativa e lassativa) in un goccio d'acqua; unitelo alle prugne e fate cuocere per 5'.
Lasciate intiepidire. Eliminate le scorze, la cannellla. Frullate il resto e mettete la composta in un vasetto ben pulito. Conservate in frigorifero.
Si può spalmare la mattina per colazione sulle fette biscottate o sul pane tostato.

Vellutata di lattuga

Lavate con cura un piccolo cespo di lattuga e tagliatelo a striscioline. Mettetelo in una casseruola, unite una patata ed uno scalogno sbucciati e tagliati fini, un cucchiaio di olio e.v., una presa di sale, un rametto di timo, un bicchiere di acqua ed un pixzzico di sale.
Coprite e fate cuocere, a fiamma bassa, per 20'. Togliete il timo, frullate e servite la vellutata calda.

sabato 15 maggio 2010

Propoli: un principio attivo antibruciore

Il nome “propoli” indica qualcosa posto davanti alla città per la sua difesa. La propoli, infatti, è un prodotto dell’alveare utilizzato dalle api per difendere le pareti delle arnie e dei favi dai parassiti.

Perché fa bene

Numerosi studi hanno dimostrato che la propoli, in soluzioni idroalcoliche concentrate al 10-20%, inibisce l’helicobacter. Inoltre, i flavonoidi antiossidanti che contiene abbassano i livelli di acido cloridrico nello stomaco con un’azione antibruciore e antireflusso.

Come si usa

Prendi 20-30 gocce di estratto puro non alcolico, diluite in acqua.
Per i bambini in età scolare, dimezzare le dosi.

http://obiettivobenessere.tgcom.it/wpmu/

Cumino: digestivo e antigastrite

Il cumino è una pianta originaria dell’Egitto e dell’Asia centrale, che si è poi diffusa in tutta l’area del Mediterraneo. A scopo terapeutico se ne usano i frutti essiccati. Si usa in cucina per aromatizzare carni, cereali, verdure, pane e dolci.

Perché ti fa bene

È noto per la sua azione digestiva e antimeteorismo. Studi recenti ne hanno messo in evidenza le proprietà antibatteriche, anche nei confronti dell’Helicobacter pylori, e una notevole azione antiossidante e rigeneratrice delle mucose, anche di quelle dello stomaco.

Come si usa

Prendi 100-200 mg al giorno di estratto secco, con acqua o succo di frutta, preferibilmente lontano dai pasti.

http://obiettivobenessere.tgcom.it/wpmu/

sabato 8 maggio 2010

Rimedi naturali contro le zanzare

Già dai tempi più remoti l’uomo è riuscito a tenere lontano gli insetti bruciando alcune piante aromatiche o dal forte odore.
Nell’antico Egitto venivano applicate sulla pelle sostanze dal forte odore, proprio come protezione contro i pizzichi di insetti.
I Romani usavano canfora, cipressi, buccia di melograno e cannella.
Nel XVII secolo si faceva uso di rimedi efficaci quali la canapa e, più tardi, estratti vegetali quali aglio, olio di oliva e succo di pomodoro.
All’inizio del XX secolo queste sostanze naturali formavano la base per l’identificazione e l’utilizzo di olii essenziali come repellenti naturali.

Sostanze naturali con qualità di agente repellente: olio di anice, olio di lavanda, olio di bergamotto, olio di noce moscata, catrame di betulla, olio di garofano, canfora, olio di fiori di arancio, olio di citronella, olio di menta piperita, olio di eucaliptus, olio di geranio, olio di pino, olio di timo, olio di noce di cocco, vitamina B1, olio di aglio, olio di cannella.
Tutte queste sostanze svolgono una leggera azione repellente, prevalentemente solo contro le zanzare.

- Mettere dell’aceto e qualche fetta di limone in un recipiente a fondo piatto, le zanzare non si avvicineranno.

- Montare alle finestre le zanzariere che ormai si trovano preconfezionate, a metraggio, presso i negozi di ferramenta.

- Piantare dove possibile, Gerani odorosi e piante di Citronella e di Lavanda, efficaci repellenti naturali dei quali le zanzare non sopportano il profumo.

- La sera, mettere qualche goccia di olio di Neem o di Citronella su candele a base
larga.

- Accendere zampironi o incensi al Neem (pianta insetticida indiana).

- Mangiare aglio o peperoncino, danno al sudore un odore sgradito agli insetti.

- Anche l’uso del Lievito di birra in scaglie (un pizzico, come il parmigiano, una volta al giorno, sugli alimenti) pare sia efficace, per il suddetto motivo.

- Altrettanto si ottiene con la vitamina C.

- Esiste una lampadina di colore giallo (il meno amato dalle zanzare) che le tiene alla larga (www.philips.it) per circa un metro intorno.

- C’è un’intera linea di abiti antizanzara realizzati con un tessuto contenente una resina acrilica repellente che resiste ai lavaggi www.coroneltapiocca.com

- Anche il rumore allontana gli insetti, la Telecom ne ha trovato uno che si può scaricare sul cellulare e tiene lontane le zanzare per circa un metro.

- On line, è in vendita per 9,90 euro, un piccolo strumento, da tenere al collo, che promette di tenere lontane le zanzare emettendo ultrasuoni ad una frequenza compresa tra i 5.000 e i 9.000 HZ e si ricarica con i raggi del sole.

- On line si possono acquistare anche scacciazanzare elettronici a rete o a batteria. www.promogreen.com

- Si dice che ottimo repellente sia l’estratto di bergamotto: http://universo.initalia.biz/bergamot.htm

- Come repellente e lenitivo, vale la pena di provare anche l’olio di Andiroba. Viene estratto dai semi del frutto a forma di castagna, della Carapa guaianensis, mediante spremitura a freddo. E’utilizzato dalle popolazioni dell’Amazzonia, per difendersi dagli attacchi degli insetti. http://www.compronatura.it/online/ ( cliccare su "Reparti" e poi su "Zanzare").

- Anche la cipolla tiene lontane le zanzare, perciò è utile tenere nella stanza in cui si soggiorna, mezza cipolla in un piattino, con applicati sulla superficie dei chiodi di garofano.

- Un ottimo repellente per le zanzare è rappresentato anche dal decotto di menta e qualche foglia di basilico che va filtrato e spruzzato sulle parti scoperte del corpo. E’ opportuno tenerlo in frigorifero. www.forumfree.net

http://www.infozanzare.info

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.